Enjoy Tyrol
La vostra esperienza unica!
Passeggiamo tra i fiori del parco Puez-Odle

E’ primavera in Val Gardena

primavera in val gardena

E’ primavera in Val Gardena

Fiori di neve/erba ghiacciata/ l’inverno è un’estate /pietrificata

Così la poetessa originaria del Trentino, Vivian Lamarque, raccontava un’apparizione molto montana: il ghiaccio assieme ai fiori, l’incontro tra caldo e freddo che si può conoscere solo in altura.

La primavera è la stagione ideale per scoprire la delicatezza, la bellezza dei fiori di montagna e non c’è luogo migliore per scoprire l’essenza della primavera che non sia la montagna. Perciò scopriamo insieme le varietà floreali che si possono scovare nei prati sterminati delle Dolomiti, in particolare nel Parco naturale di Puez-Odle. Tale parco, uno dei più suggestivi nel cuore delle Dolomiti, comprende al suo interno ben 6 comuni, tra i quali anche Selva Val Gardena. Lungo i suoi sentieri, a ridosso delle vette, nei prati e nei pascoli prediletti dagli animali, appaiono qui e là tantissime oasi di colore, sono i fiori, delizia degli occhi e del cuore.

Passeggiando nello scenario che dal 2009 è patrimonio mondiale UNESCO, potrete osservare la pulsatilla, con il suo giallo delicato e i rododendri, le rose delle alpi, e i crochi, della famiglia dello zafferano, con tonalità che vanno dal bianco al viola. Nei luoghi umidi e laddove la neve permane più a lungo crescono le soldanelle, simpatiche campanelle lilla, e l’Achillea oxyloba, simile ad una margherita. A maggiori altitudini si trovano le regine delle altezze, le stelle alpine, rinomate per bellezza e fragilità, le genziane, dalla caratteristica colorazione blu, ma nel parco s’incontra anche la rara genziana maculata. Non mancano le campanule e gli spilloni alpini, dal lungo fusto e dal fiore bombato come un soffione.

Portate con voi una macchina fotografica perché vi assicuriamo uno spettacolo unico, un’esplosione di colori che vi darà l’impressione che la montagna si sia fatta bella solo per voi.
Alla fine di aprile, quando si scioglie la neve, compaiono le anemoni, con i loro grandi petali bianchi, mentre l’erica ed il fior di stecco, puntellato di fiorellini lungo tutto lo stelo, si incaricano di annunciare per primi l’arrivo della primavera. Fanno parte dei gioielli floristici del parco le scarpette della Madonna, particolarissime orchidee gialle e marroni, il giglio martagone con i petali arrotoli e l’anterico, esile e allungato.

L’elenco potrebbe essere ancora più lungo, ma ci fermiamo qui, per lasciarvi il piacere della scoperta e della meraviglia. Potrete voi stessi imparare a dare nome alle tante varietà floreali, accarezzarle, fotografarle, magari fare un pic nic immersi nei fiori, ascoltando i suoni della natura incontaminata, provando il vero senso del relax che solo la montagna sa offrire.

Tante sono le modalità con cui potrete partire alla scoperta della primavera: escursioni organizzate, visite guidate, passeggiate a piedi o in bicicletta, uscite in solitaria, in ogni caso il successo è assicurato. Perciò non aspettate oltre e venite a trovarci: la primavera vi aspetta!